Un po' di Storia

Già abitata nel Paleolitico e Neolitico da antiche tribù venne più tardi colonizzata dai Celti. I Romani vi penetrarono poco nell’80 dc fino al 142 dc  abbandonando definitivamente la Scozia nel 185 dc.
 
Nei periodi successivi la Scozia era divisa in quattro grandi gruppi: Pitti, Scoti, Bretoni e Angli.

Nel 573 le tribù pagane residenti si scontrarono con gli irlandesi cristiani a seguito della cristianizzazione partita con san Colombano che si diffuse in tutta la Scozia e accettata nel 710 come religione ufficiale.

Dall’800 gli scozzesi dovettero affrontare la minaccia norvegese con Pitti e Scoti uniti sotto la corona di Kennet  Mc Alpin. Nel 1018 Malcom II e poi suo nipote Duncan I (primo vero re di Scozia) annetterono buona parte dei territori scozzesi.
Con la battaglia di Largs del 1263 i norvegesi vennero definitivamente sconfitti e rimasero per altri due secoli solo nelle Isole Shetland e Orcadi.

Dal 1001 in poi le relazioni con l’Inghilterra ebbero fasi alterne di pace e di tensioni fino a che Edoardo I di Inghilterra (1272-1307) tentò la conquista della Scozia. Fu un periodo di feroci combattimenti fino al riconoscimento dell’indipendenza scozzese del 1306 con Robert I Bruce incorato re di Scozia.

Nel 1371 Roberto II Stewart inaugura la dinastia omonima che terrà il regno di Scozia per circa 3 secoli.

Il secolo XIV fu caratterizzato da lotte interne fino all’incoronazione di Giacomo IV che iniziò un periodo di avvicinamento alla Francia e ucciso poi in battaglia da Enrico VIII di Inghilterra.

Ulteriori tensioni nel 1500 ci furono con l’arrivo della riforma  protestante.  Nel 1560, dopo una parentesi di reggenza francese, la chiesa cattolica divenne religione di stato.

Dal 1561 la regina di Inghilterra Maria Stewart iniziò una politica distensiva con l’Inghilterra  ma si scontrò con la violenza di Elisabetta I di Inghilterra che prima le fece  assassinare il segretario Rizio e successivamente il consorte Darley di fede cattolica fino alla sua cattura, detenzione e decapitazione (1587).

Alla morte di Elisabetta I la pacificazione spettò a Giacomo VI figlio di Maria che diventerà re di Inghilterra nel 1603 col nome di Giacomo I. L’unione delle corone di Scozia ed Inghilterra avverrà definitivamente nel 1603 e l’unione delle corone e dei parlamenti  nel 1707.

Il complesso e a volte drammatico rapporto con l’Inghilterra dovuto al forte spirito di indipendenza scozzese è tuttora ben visibile negli usi e nei costumi odierni e negli storici monumenti sparsi in tutta la nazione.

Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!